Le 5 sfilate che ci hanno fatto emozionare

Forse sono l’unica, eppure l’altro ieri per la prima volta mi è capitato di emozionarmi guardando una sfilata. (se non sono l’unica ditemelo!). La sfilata in questione era quella di  Moschino Spring Summer  2010, e lo ammetto, vedendola, io mi sono commossa. Ma aspettate, devo fare un chiarimento, non mi sono emozionata per gli abiti in sè, ma per un altro motivo: essendo una ragazza che sogna di diventare una grande firma del giornalismo di moda, vedendo la sfilata, ho capito che è davvero questo mi ha fatto emozionare, aver centrato l’obiettivo.

Ora, non so voi, ma dopo aver attraversato un brutto periodo, ho fatto di tutto per rimettermi in piedi, e la cosa più importante che ho imparato, è che per essere felici bisogna fare ciò che si ama. Okay, ora penserete: adesso lo hai capito? Ma quante volte nella vita funziona davvero? Quante volte nella vita riusciamo a mettere in pratica questa filosofia di vita?

Sono giovane lo so, eppure ve lo dico, ve lo voglio dare con questo consiglio: provateci, almeno provateci a fare ciò che si ama. Sia che avete 20 anni o che ne avete 50, non è mai troppo tardi.  Ma rimaniamo al punto di oggi, vi voglio mostrare le 5 sfilate che mi ( e ci) hanno fatto emozionare, la maggior parte, per quel che mi riguarda, sono di Chanel.

Lasciatemi qui sotto la vostra top 5, che ne pensate delle mie di scelte?

1. Chanel e la sua sfilata per i diritti delle donne

2. Chanel Spring Summer 2015 (più di 200 ore di lavoro per realizzare i fiori, la amo soprattutto per i dettagli)

3. Elie Saab Haute Couture 2014/2015

4. Moschino e la sfilata ispirata a Barbie

5. Valentino e la sfilata ispirata al sentimento dell’amore

 

 

 

by Vicky

 

 

TAGS

Le 5 sfilate che ci hanno fatto emozionare

Forse sono l’unica, eppure l’altro ieri per la prima volta mi è capitato di emozionarmi guardando una sfilata. (se non sono l’unica ditemelo!). La sfilata in questione era quella di  Moschino Spring Summer  2010, e lo ammetto, vedendola, io mi sono commossa. Ma aspettate, devo fare un chiarimento, non mi sono emozionata per gli abiti in sè, ma per un altro motivo: essendo una ragazza che sogna di diventare una grande firma del giornalismo di moda, vedendo la sfilata, ho capito che è davvero questo mi ha fatto emozionare, aver centrato l’obiettivo.

Ora, non so voi, ma dopo aver attraversato un brutto periodo, ho fatto di tutto per rimettermi in piedi, e la cosa più importante che ho imparato, è che per essere felici bisogna fare ciò che si ama. Okay, ora penserete: adesso lo hai capito? Ma quante volte nella vita funziona davvero? Quante volte nella vita riusciamo a mettere in pratica questa filosofia di vita?

Sono giovane lo so, eppure ve lo dico, ve lo voglio dare con questo consiglio: provateci, almeno provateci a fare ciò che si ama. Sia che avete 20 anni o che ne avete 50, non è mai troppo tardi.  Ma rimaniamo al punto di oggi, vi voglio mostrare le 5 sfilate che mi ( e ci) hanno fatto emozionare, la maggior parte, per quel che mi riguarda, sono di Chanel.

Lasciatemi qui sotto la vostra top 5, che ne pensate delle mie di scelte?

1. Chanel e la sua sfilata per i diritti delle donne

2. Chanel Spring Summer 2015 (più di 200 ore di lavoro per realizzare i fiori, la amo soprattutto per i dettagli)

3. Elie Saab Haute Couture 2014/2015

4. Moschino e la sfilata ispirata a Barbie

5. Valentino e la sfilata ispirata al sentimento dell’amore

 

TAGS

Quando Barbie incontra Moschino

Per la serie”meglio tardi che mai”…Continuiamo questo giovedì 30 aprile con la bellissima Rubrica di Vicky Pelo:The Editor Wrapped In Preppy Broots

Perdonate il ritardo nella pubblicazione che diventerà regolare ogni martedì e giovedì mattina.

BUONA LETTURA!

 

“I’m a Barbie girls, in the Barbie world”

cantavano gli Aqua e che dire? Moschino ha interpretato in modo eccellente questa canzone dando vita alla nuova Barbie.Siete fuori strada se credete che ora Moschino si sia messo a fare barbie, tutt’altro! Lui ha preso Barbie e l’ha portata sulle passerelle primaverili di questo 2015.

“Life in plastic, is fantastic”??

Può essere ma vi assicuro che lo è quando Barbie esce dalla plastica e prende vita, incominciando a sfilare.Ovviamente, accompagnata dai suoi colori classici:Rosa, fucsia, azzurro, verde acido, blu pop, giallo evidenziatore, arancione, Gold, Silver e nero.Jeremy Scott, alla sua seconda collezione per Moschino, la fashion icone di plastica per eccellenza.Colei con cui tutte le bambine hanno giocato e chi lo sa, magari è proprio così che i grandi stilisti hanno iniziato:Cucinotta vestiti per lei, la modela perfetta. In fondoquante volte associamo la “perfezione femminile”a Barbie? Se anche tu da piccola volevi sentirti una barbie per un giorno adesso, grazie a Jeremy Scott, puoi!

Ovviamente Moschino non si ferma sol o agli abiti ma porta la barbie anche nel regno tecnologico creando Cover dove Barbie può fare ciò che ama di più:Specchiarsi. Insomma, siete pronte a diventare ( finalmente) Barbie?

E non è finita qui…continuate a leggere sul mio blog!

http://www.theeditorwif.com/2015/04/when-barbie-meet-moschino.html#more

TAGS

The Editor Wrapped in Preppy Broots

Un vento di follia si è abbattuto su Preppybroots questa primavera 2015 e soffia su queste pagine virtuali ad una temperatura mai raggiunta prima.

È un vento fresco questo che oggi,21 aprile 2015, battezza THE EDITOR WRAPPED IN PREPPY BROOTS, la nuova rubrica pensata e fortemente voluta da Vittoria Pelo, una ragazza la cui tenacia mi ha subito colpita…ed affondata!

Grazie a lei il blog che siete abituati a leggere, subirà un cambiamento che, sono certa,stupirà ed emozionera’.

Nulla in più da aggiungere se non…Benvenuti sulla rubrica THE EDITOR WRAPPED IN PREPPYBROOTS!

Buona lettura!

 

Innanzitutto inizio questo post ringraziando davvero di cuore Federica per avermi permesso di avere una rubrica qui sul suo blog, sperò che vi piacerò e che amerete leggere ciò che scriverò così come io amo scrivere.

Questa è da sempre la mia più grande passione, so che è una frase sentita e risentita “fin da quando ero piccola io amo…” eppure, questa frase mi si addice completamente, fin da quando ero piccola la mia più grande passione è sempre stata scrivere e con il tempo, spero che questa passione non resti solo tale ma possa diventare anche un lavoro.Scrivere per me non è solo una passione, è proprio qualcosa che mi appartiene, avete presente quando trovate quel vestito perfetto, che amate, che è della vostra taglia e pure in saldo?Lo mettete sempre perché lo amate o non lo mettete mai per paura di rovinarlo, giusto?Ecco, questo è per me “scrivere”, io scrivo sempre, dalla mattina alla sera, quando ho qualcosa da dire, da confessare, da manifestare, da esprimere, datemi un foglio di carta e una penna.Mia madre da piccola diceva che quando andavo in cartoleria a comprare le cose per scrivere era come per una donna andare a comprare i gioielli in gioielleria.

Adesso, da cresciuta, le cose si equivalgono ma la passione per la scrittura è rimasta tale.In questa rubrica vi parlerò di tante cose: Di me, della moda (la mia seconda passione) di matrimoni, di musica, insomma, ci saranno vari argomenti a farvi compagnia, e spero davvero con tutto il cuore che vi piacerà passare del tempo con “The Editor Wrapped In Preppy Broots”.Perché questo nome? Ve lo spiego subito.

Venivo, a dicembre, da un periodo molto brutto della mia vita (ve lo racconterò poi), piano piano ho riacquistato il coraggio di rimettermi in sesto, riprendere in mano la mia vita e andare avanti con le mie passioni, le mie aspirazioni e le mie ambizioni.Ho sentito l’esigenza di aprire uno spazio sul web che fosse tutto mio, e così ho aperto un blog, The Editor Wrapped In Fashion (www.theeditorwif.com) per, appunto, condividere con tutti coloro che mi seguono le mie passioni, le mie idee, creare uno spazio online che sia davvero solo mio, per dimostrare e rappresentare “ecco, questa sono io”. Troppo ambiziosa? Io sono fatta così, determinata a diventare una giornalista, determinata a dimostrare quanto possa essere bello, eccitante e soprattutto, indispensabile al mondo svegliarsi la mattina e fare ciò che si ama.

Ricordate sempre la frase che disse Steve Jobs

“da quel giorno mi svegliai e ogni mattina mi domandavo se quello che stavo per fare era quello che realmente volessi fare, se mi avrebbe portato davvero un passo più vicino per diventare ciò che volevo, se la risposta era no, sapevo di dover cambiare qualcosa”

Questa frase la tengo sempre a mente anche io, per ricordare che di vita ce né concessa una sola, perché sprecarla? La pensate come me?

Vicky

TAGS

Quante volte ho pensato di dirlo:RINCHIUDETELY(i vestiti!)…

La stessa storia ogni mattina:Apro l’armadio e…vengo letteralmente sommersa da una valanga di vestiti che crollano sul letto(ho un armadio a ponte!).Che stress dover continuamente riordinare e cercare di creare spazio quando spazio NON CE N’E’!! Sto seriamente pensando di creare un locale “cabina armadio” nella mia futura casa (questa è una delle novità di cui presto vi parlerò),magari arredandolo in stile shabby chic,quello che preferisco.So che capirete il problema…!Ho talmente tanti vestiti che “RINCHIUDERLI” in un piccolo armadio privo di mensole e divisori sembra impossibile.

Sarà per questo motivo che l’idea di Elena Dossi ha,da subito,catturato la mia attenzione.
Si tratta di un servizio a domicilio( niente di più comodo ) che prevede il riordino e la riorganizzazione del guardaroba fornendo anche una sorta di consulenza d’immagine per aiutare a scegliere l’outfit giusto.Quale lo scopo?Creare un’immagine di se VINCENTE.Niente a che vedere con vanità e lusso ma semplice necessità di costruire la propria personalità attraverso l’abito per facilitare i rapporti personali e lavorativi.

RINCHIUDETELY è il nome del progetto di Elena che,fra l’altro,offre ai suoi clienti due servizi aggiuntivi:

HONEY MOON EXPERIENCE,dedicato alle spose ed alla loro valigia
SWAP PARTY,pensato per barattare tutti i capi eliminati dal proprio armadio.Ragazze,cosa c’è di più chic di questo?!Pensate che l’intero servizio ha un costo che parte dai 150 €!!Anche economico,direi.

PRIMA

DOPO

Pensate di usufruire di questa opportunità?
Questi i link diretti per richiedere maggiori informazioni:
https://www.facebook.com/pages/Rinchiudetely/411970132272158?fref=ts

https://www.facebook.com/rinchiudetely?fref=ts

e questo è il sito:http://www.rinchiudetely.it/

Come sempre spero di avervi regalato un’utile idea,aspetto tutte le vostre considerazioni!

N.B:Non perdete #withtheblogger di Vicky Pelo che oggi…parla di me sul suo Wrapped in Fashion.Per leggere cosa scrive cliccate QUI

TAGS

Si riparte in un (arco)baleno!

Image and video hosting by<br /> TinyPic

Progetti tutto d’un fiato! Quest’anno il mio personale carnet di eventi è RICCO ed ENTUSIASMANTE :) A partire dalla metà di febbraio,infatti,inaugurerò un periodo particolarmente felice della mia vita…lavorativa e privata ma,per ora,non posso anticiparvi nulla.Voglio che sia anche per voi,una GRAN BELLA SORPRESA!Chi mi segue lo sa:Sono molto pigra!Non si può certo dire che io sia l’esempio di blogger dell’anno visto che aggiorno i miei blog mooolto raramente.Ok,vi chiedo scusa e prometto di impegnarmi per essere presente sul web in modo più assiduo.Mi piace farvi compagnia con i miei post ma è solo quando ricevo le vostre lettere che ritrovo la carica e la giusta dose di vitalità per scrivere e scrivere ed ancora SCRIVERE.A questo proposito voglio ringraziare pubblicamente Vittoria,una  follower di PreppyBroots che,qualche giorno fa,mi ha contattata per chiedermi di partecipare ad un suo progetto che trovo molto carino ed utile.Si,utile per conoscere altre blogger e per mettersi in gioco.E chi si tira indietro! 😉 MI PIACCIONO LE SFIDE, senza…mi annoio!!Il progetto consiste in ben 3 fasi:Un post a cura della stessa Vittoria ( http://www.theeditorwif.com)nel quale presenterà la blogger di turno,un’intervista da lei gestita e moderata ed un #asktheblogger attraverso il quale sarete voi lettori a fare le domande a noi blogger quindi seguite Vicky e fate in modo che “With the blogger” diventi un appuntamento fisso durante il quale leggere qualcosa di piacevolmente diverso dal solito.

…e ricordate:IL black&white E’ SUPERATOOOOO!!!

Grazie Vicky e…BEN TORNATI A TUTTI 😉

 

TAGS

L’albero della vita:La natura ci regala un olio prezioso!

Un segreto è nascosto fra le aride terre del Marocco.Si tratta di un albero,l’Argania che,nonostante la scarsità d’acqua nel sottosuolo,è uno fra i più longevi e produce un frutto che ricorda una gigantesca oliva.La preziosità di queste bacche è nascosta nel nocciolo che,a seconda del processo di torrefazione,può essere impiegato per uso cosmetico o alimentare.Se non fosse per l’elevato costo,l’olio d’argan potrebbe essere impiegato come il nostro olio d’oliva ma,per il momento,ci accontentiamo dell’uso cosmetico…

Poche gocce applicate sulla pelle o sciolte nell’acqua bastano a rendere il corpo luminoso,morbidissimo e protetto dagli agenti esterni (sole,smog,sostanze inquinanti).Grazie alle sue proprietà antiossidanti,nutrienti,idratanti e dermoprotettive,l’olio d’argan anche detto “Oro Liquido”,contribuirà a far risultare l’epidermide setosa e sana,giorno dopo giorno.

Per non farmi mancare niente,ho acquistato,in farmacia, il bagnoschiuma DermoMed senza parabeni e la Crema fluida Leocrema da usare dopo la doccia.Da quando ho iniziato questo trattamento posso assicurarvi l’efficacia dell’olio(pensate che mi si sono schiariti anche dei tagli che avevo sulle gambe!).Durante la doccia avverto una piacevolissima sensazione di caldo,risciacquando la mia pelle risulta subito più bella e vellutata.Dopo l’applicazione della crema corpo,poi,mi circondo da una delicatissima profumazione che persiste anche a distanza di ore e non unge!!!

Entrambi i prodotti CONSIGLIATI!

Fatemi sapere cosa ne pensate! 😉

TAGS

AVANGUARDIE (artistiche) – Valeria Grasso si racconta –

 

Avete letto bene il suo nome?(V A L E R I A – G R A S S O)
Allora,sicuramente,sarete curiose di scoprire perchè ho deciso di dedicarle un intero articolo.
Questa ragazza dagli occhioni dolcissimi è la Graphic&Video Designer del Gruppo Ottomani,da lei stessa fondato assieme ad altri tre professionisti.
Creare monili artigianali,si sa,richiede una forte attitudine artistica,attenzioni diverse ed implica spesso la verifica delle proprie capacità e dei propri limiti.Il suo progetto “Picca“,riesce a coniugare tecnica,espressione e personalità non per questo dimenticando quel tocco di magia che,chiunque acquisti un gioiello, desidera.
La sua Collezione Avanguardie,presentata per la prima volta nel giardino dei Chiostri di San Barnaba il 20 maggio 2014,celebra l’immaginario collettivo,regalando a tutte le donne l’emozione di indossare un’opera d’arte.Da Monet a Van Gogh,Valeria ha voluto rendere omaggio alle Avanguardie storiche che,come lei stessa ci racconta,hanno avuto il merito di stravolgere l’arte ed il ruolo dell’artista.
A lei,invece,va il merito di non aver scelto la strada più facile,decidendo di interpretare le attuali tendenze del mercato ma di aver messo in gioco qualcosa di più importante:Le suggestioni derivanti dalla nostra cultura!
A me spetta il compito di condividere il pensiero e l’arte di questa giovane e determinata ragazza che,sotto i riflettori di Preppy Broots,è riuscita a rispondere ad alte aspettative.
Chi ben comincia……

TROVATE LA SUA INTERVISTA ED ALTRE FOTO QUI!

Federica

 

TAGS

Abbiamo riso per una cosa seria 2014

Per vincere con noi la fame nel mondo,sostieni il nostro progetto!

SABATO 17 MAGGIO  c/o
Parrocchia Regina Pacis,Lama (TA)

DOMENICA 18 MAGGIO c/o
Parrocchia Sant’Egidio,Tramontone-Lama (TA)

La campagna “Abbiamo riso per una cosa seria”,giunta alla sua XII edizione,è parte dell’impegno FOCSIV e CELIM MILANO a favore del diritto al cibo.Con un contributo di 5 € avrai diritto ad un pacco di riso,prodotto e confezionato per l’occasione,dalla cooperativa thailandese TOFTA che,grazie al circuito FAIRTRADE,riceve un prezzo equo e stabile per la coltivazione del proprio riso ed un margine di guadagno aggiuntivo che servirà per l’acquisto di strumenti di controllo di coltivazione e lavorazione.

Grazie al tuo contributo di 5 € o alla tua offerta libera,contribuirai allo sviluppo economico ed ambientale nel distretto di Mongu,in Zambia.

Il banchetto di Taranto,inoltre,ti assisterà nella scelta e nella realizzazione di bomboniere equo-solidali,inviti e partecipazioni per nozze,battesimi,comunioni e cresime.Potrai usufruire della nostra postazione per richiedere una consulenza GRATUITA alla wedding&event planner Federica che provvederà a soddisfare ogni tuo dubbio!

Edizione 2013

Ti aspettiamo sabato 17 e domenica 18 per questo grande progetto.

Orari banchetto
MATTINA: 9,00/12,00
POMERIGGIO: 16,30/20,00

IL RISO E’ MIGLIORE QUANDO E’ SULLA BOCCA DI TUTTI!


 

TAGS

Maserati cover:”Il lusso su misura”

“Il lusso come antidoto all’omologazione”

Così i grandi brand rimarcano il concetto di “unicità del consumatore” personalizzando gli accessori hi-tech divenuti,oramai,di largo consumo.
Ammettiamolo. La maggior parte di noi è attratta da colori sgargianti e forme inusuali (almeno per me è così) e non acquisterebbe mai oggetti impersonali e privi di senso.Parliamo di brand che,come dire,”sanno il fatto loro”!Moschino,ad esempio,con la sua Cover Trench ha interpretato perfettamente uno dei tanti desideri di una Cool Hunter!

Frutto della complicità di eleganza e praticità,questi accessori permettono a chi li possiede di differenziarsi dalla massa proteggendo i propri oggetti…con stile!E,per chi non riesce a spegnere il divertimento e la fantasia…ecco che arrivano le bellissime cuffie customizzate Bowers & Wilkins P5 Maserati Edition,create per ascoltare della buona musica dai toni accesi!!

Cover in materiali classici,Woodmi

 

 

 

 

 

 

 

cover maserati

gucci iphone ipad

Ce n’è per tutti i gusti,dagli appassionati di automobili a quelli di moda e trend.

La parola d’ordine di oggi è: DISTINGUERSI!!!

“Dimmi di che cover sei e ti dirò qual è il tuo stile!”

TAGS